Skip to main content

Che uno dei pilastri di Ceramica Mediterranea fosse l’attenzione e il rispetto per l’ambiente era ben noto. Ma abbiamo voluto fare un passo in più.

Non solo produzione sostenibile, pannelli solari, lavorazione della materia prima senza spreco di risorse idriche, produzione km0, ma abbiamo studiato nuovi obiettivi con Enel,  nell’ambito del progetto “Sardegna Isola Verde”.

Decarbonizzare ogni step della filiera produttiva della produzione di gres porcellanato, dall’avvio della produzione alla fase di cottura, dall’approvvigionamento energetico alla progressiva sostituzione di fonti non rinnovabili: il protocollo d’intesa che abbiamo siglato, tra Enel e Ceramica Mediterranea, punta alla riconversione in chiave sostenibile dell’impianto sardo di Guspini.

L’obiettivo principale è sostituire il 100% del GPL attualmente utilizzato in una delle tre linee di cottura della ceramica con idrogeno verde.

 

Cave Guspini

Attraverso l’innovazione realizzeremo il primo esempio su scala industriale di linea di cottura della ceramica completamente carbon-neutral, e le soluzioni adottate permetteranno anche di svincolare la produzione dalla volatilità del costo delle quote di emissione della CO2 e dei combustibili fossili” ha dichiarato Fabio Tentori, Responsabile Innovability di Enel X.

Rilancia Bernard Mazhol, CEO di Ceramica Mediterranea,

“In Ceramica Mediterranea abbiamo un processo produttivo da sole materie prime locali che definiamo a “km zero”, con questo nuovo progetto puntiamo al “km zero” anche per l’approvvigionamento energetico. La partecipazione al progetto di Produzione e utilizzo dell’Idrogeno consolida l’impegno dell’azienda nell’utilizzo di forme di energia che tutelino l’ambiente. In Ceramica Mediterranea abbiamo adottato politiche di ottimizzazione energetica e importanti ammodernamenti degli impianti e con questo progetto vogliamo dare un nuovo slancio a questo intento che guarda verso la completa indipendenza energetica da fonti fossili e alle emissioni zero.”

La collaborazione tra Ceramica Mediterranea ed Enel si articolerà in 3 ambiti:

  •  Primo: decarbonizzazione il processo di produzione della ceramica, con particolare attenzione alle applicazioni di idrogeno verde per i sottoprocessi ad alta temperatura (in particolare cottura della ceramica).
  • Il Secondo: produzione e stoccaggio di idrogeno verde in sito per alimentare il processo produttivo di cui sopra.
  • Il Terzo: valutazione di ulteriori interventi in tema di elettrificazione, efficientamento energetico e installazione nel sito di ulteriore capacità di generazione rinnovabile.

Ancora una volta, abbiamo sottolineato, in collaborazione con Enel, quanto per noi sia importante il futuro del nostro pianeta.

I processi produttivi industriali posso essere a km 0, posso essere green, possono coesistere con l’innovazione tecnologica e noi ne siamo e ne saremo un esempio.

Scarica il pdf dell’accordo

Erminia Fazzolari

Author Erminia Fazzolari

More posts by Erminia Fazzolari